Covid 19 come ripartire nel settore agricolo

Covid 19 come ripartire nel settore agricolo

Covid 19 come ripartire nel settore agricolo
Covid 19 come ripartire nel settore agricolo

Permane il distanziamento delle presenze dentro i luoghi di lavoro che prevede di rispettare all'allontanamento interpersonale di almeno un metro.

Le regole per la sicurezza nei luoghi di lavoro ci impongono una serie di procedure, informazione, analisi, formazione e addestramento per la salvaguardia della salute di tutti i lavoratori.

Nell’attività agricola, svolta all'aperto, è possibile raggiungere questi obiettivi rispettando degli accorgimenti essenziali. L'esperienza ci insegna che un attrezzo, una macchina,un'operazione possono avere dei rischi ed esporci  ad un pericolo, ma non per questo rinunciamo a lavorare, bisogna però eliminare il più possibile i pericoli e proteggersi (con i DPI) dai così detti “rischi residui ". Ovviamente è più semplice tutelarsi in alcune operazioni, ad esempio, se  si utilizza una macchina come il trattore la tutela dal contagio è quasi inesistente perche' il trattorista lavora da solo.

Quindi le sue accortezze devono riguardare le fasi di arrivo in azienda, e di coordinamento nelle fasi di carico, partenza e ritorno al centro aziendale. Ricordiamoci che rimane ugualmente alta la sua pericolosità legata al rischio meccanico, rumore e vibrazioni.

Nel caso delle colture arboree i potatori possono essere disposti sul campo a distanze maggiori ed è possibile
lavorare su file differenti (ad esempio alternate) o su piante alterne sulla stessa fila, quindi,oltre a
ridurre il pericolo di ferimento con gli attrezzi da taglio, riducono il rischio di contagio. Ricordiamoci di
indossare i dispositivi di protezione dai tagli, gli occhiali per proteggere gli occhi dai rametti insidiosi e
molto pericolosi. Usiamo correttamente e solo se realmente necessario le scale, che devono essere
adeguate con scalini antiscivolo, ben posizionate e legate in modo stabile.In agricoltura ci sono facilitazioni dovute agli ampi spazi ,laddove si sia al di sotto della distanza interpersonale di sicurezza di un metro, viene richiesto di adottare strumenti di protezione individuale come mascherine e altri dispositivi di protezione (guanti, occhiali, tute, cuffie, camici…), conformi alle indicazioni delle autorità scientifiche e sanitarie.
L’azienda agricola deve mettere a disposizione idonei mezzi detergenti per le mani (che può preparare
autonomamente seguendo le indicazioni dell’Oms, Organizzazione mondiale della sanità), assicurare la pulizia giornaliera e la sanificazione periodica dei locali, degli ambienti, delle postazioni di lavoro e delle aree comuni e di svago.  

Diventa piu complicato nei luoghi di lavoro lungo il resto della filiera agroalimentare.

Per i fornitori esterni, devono essere individuate procedure di ingresso, transito e uscita, mediante

modalità, percorsi e tempistiche predefinite al fine di ridurre le occasioni di contatto con il personale in
forza nei reparti aziendali. Con la ripresa graduale delle diverse attività è consigliabile non abbassare la guardia. È tutto più difficile ma cogliamo l'occasione per rallentare e avere più cura di noi stessi, delle persone che lavorano con noi e per noi, e dei mezzi/attrezzi che usiamo, riducendo il più possibile il ricorso al pronto soccorso ed al medico per non intasare un sistema sanitario già sotto pressione per la pandemia .

Lina Puglisi